Dopo le vacanze al mare sono spenti e inariditi? Ecco come fare per avere capelli subito più brillanti.

Sfoggiare capelli sani e brillanti è, per molte donne, una vera e propria sfida. Una chioma vaporosa e luminosa è un ottimo biglietto da visita ed è subito sinonimo di bellezza e salute. Il vero elisir di Venere esiste, e le donne berbere lo utilizzano da millenni: è L’olio di Argan del Marocco che si ottiene esclusivamente dalla spremitura a freddo dei frutti della pianta Argania Spinosa che racchiude in sé tutta l’energia del sole d’Africa. Disidratazione, secchezza, eccessiva sensibilità agli agenti ambientali esterni sono i fattori che influenzano negativamente la bellezza di pelle e capelli. Tra i principali responsabili ci sono l’inquinamento ambientale, i trattamenti eccessivamente aggressivi, ma anche uno stile di vita poco equilibrato, il fumo, stress e poco movimento fisico, o un’alimentazione eccessivamente ricca di carboidrati, contribuiscono a danneggiare la nostra bellezza.

capelli lucidi

L’olio di Argan in campo cosmetico ha molte applicazioni grazie alle sue proprietà antiossidanti, emollienti, idratanti e fortemente elasticizzati. E’ ricco di vitamina E, di acidi grassi essenziali e di antiossidanti capaci di rivitalizzare e riportare i capelli al loro splendore originale. Basti pensare che l’olio di Argan contiene il doppio di vitamina E rispetto all’olio d’oliva, e la Vitamina E è considerata il più potente antiossidante del corpo. Grazie a essa si rinnovano le ciocche dei capelli e si eliminano i radicali liberi, fino a ottenere condizioni impeccabili per la loro salute, rafforzandoli fino a impedirne la rottura e rallentarne la caduta. L’olio di Argan è adatto per tutti i tipi di capelli, sia fragili, che secchi o sfibrati, ma è soprattutto indicato per quelli privi di lucentezza perché dona forza e idratazione. Il modo migliore per sfruttare appieno tutte le sue straordinarie proprietà è scaldare qualche goccia d’olio tra le mani e strofinarlo delicatamente sui capelli ciocca dopo ciocca.

 

La tenuta Colle Carello, in provincia di Perugia, è un paradiso biologico, l’unico posto in Italia, dove si produce direttamente l’olio d’argan. «Da qualche anno» spiega il responsabile il dottor Luciano Cadelano «abbiamo incominciato una collaborazione con una comunità di donne marocchine che lavorano esclusivamente per noi e ci forniscono le quantità di olio necessarie. Si tratta di una produzione totalmente artigianale e biologica. Le donne rompono la buccia dei semi con delle pietre, dopo li mettono ad asciugare. Poi vengono macinati a mano. Il preparato viene mescolato con acqua tepida finché diventa una pasta e da questa si fa uscire l’olio. L’olio non contiene nessuna sostanza che può provocare allergie come nichel, profumi, conservanti, coloranti. E’ da considerarsi la massima espressione dell’alta cosmesi naturale».

 

Ecco come utilizzare l’olio semplicemente a casa propria. Il vero segreto per ottenere risultati eccellenti è rendere la cute ricettiva ai vari trattamenti, in modo che i prodotti utilizzati non appesantiscano il capello, ma ne valorizzino i riflessi di luce. «L’olio d’argan può essere utilizzato puro» continua il dottor Cadelano «per un vero impacco ristrutturante applicandolo sul cuoio capelluto e su tutta la lunghezza del capello. Bisogna lasciare in posa almeno un’ora, o addirittura per tutta la notte, e poi lavare con uno shampoo delicato. Questo trattamento ridona forza e lucentezza ai capelli secchi, fragili e sfibrati». Per un trattamento di bellezza completo sarebbe bene dedicare qualche istante a un delicato massaggio della testa quando i capelli sono ancora asciutti. Questo serve come decontratturante. Spesso non ci facciamo caso, ma le tensioni della giornata tendono ad accumularsi nelle zone del capo e alla base del collo e anche i muscoli della testa ne risentono. Rendere ricettiva la zona interessata è il primo passo da fare. Applicare l’olio d’argan è un rito antico, per farlo prendetevi il vostro tempo. Rilassatevi. Coccolatevi anche con qualche sorso di un buon tè marocchino alla menta…. Il risultato è garantito.

 

Fonte: leiweb

 

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.