Le macchie cutanee non sono altro che aree circoscritte della pelle in cui vi è un’alterata concentrazione di melanina, sostanza che, unitamente all’emoglobina presente nel sangue e ad altri pigmenti quali i carotenoidi, determina il colore della pelle.

lentiggini

 

La melanina viene sintetizzata dai melanociti, cellule presenti nello strato basale dell’epidermide, e da qui viene trasferita ai cheratinociti, dove svolgerà un’azione protettiva nei confronti delle radiazioni ultraviolette.

In condizioni normali la melanina accumulata nello strato corneo della pelle viene rimossa attraverso il normale rinnovamento cellulare, per questo la pelle imbrunita tende a ritornare spontaneamente al suo colore naturale.

In conseguenza a diversi stimoli, tuttavia, questo meccanismo può subire delle alterazioni e si possono osservare degli accumuli di melanina in alcune zone della pelle, con comparsa di macchie cutanee (discromie).

A livello istologico, gli accumuli di melanina possono essere localizzati in diversi strati dell’epidermide ed è proprio la profondità della discromia che determina la scelta del trattamento cosmetico o medico-estetico più adatto.

DIVERSI TIPI DI MACCHIE CUTANEE A seconda della natura dello stimolo si possono distinguere:

– Macchie Senili causate da una degenerazione cutanea dal meccanismo ancora poco chiaro, che porta ad una irregolare diffusione della melanina negli strati superficiali della cute.

– Macchie Solari che insorgono in seguito ad un’esposizione ai raggi ultravioletti eccessiva, discontinua o accompagnata da filtri solari troppo bassi. Melasma alterata pigmentazione della pelle provocata da modificazioni ormonali dovute all’assunzione di farmaci o ad una gravidanza (melasma gravidico).

– Effelidi o Lentigini macchie presenti dalla nascita e causate da una iperattività melanogenica.

 

Fonte: Confestetica

Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.