La Tisanoreica è il regime alimentare inventato dall’imprenditore Gianluca Mech, che ha trasformato l’azienda erboristica di famiglia in un laboratorio specializzato nel creare cibi e infusi che aiutano a perdere peso e restare in forma.

Il principio di questa dieta è semplice: per un periodo limitato (40 giorni) ci si alimenta principalmente di proteine (e zero carboidrati). In questo modo l’organismo riesce a bruciare il grasso in eccesso. La dieta prevede tre fasi: intensiva, in cui si eliminano totalmente carboidrati e zuccheri, di stabilizzazione e di mantenimento.

FASE INTENSIVA

fase-intensiva-tisanoreicaNella prima fase si possono consumare 4 Pat al giorno , cioè quattro degli alimenti sostitutivi creati da Mech e venduti in farmacia o nelle erboristerie. I Pat hanno laforma e il sapore dei cibi comuni, come pasta e pizza, ma in realtà sono un mix di erbe, vitamine e sali minerali in polvere che hanno il gusto e la forma dell’alimento, ma non le proprietà nutritive. Come a dire, mangio un piatto di pasta, ma in realtà sono proteine. Oltre ai 4 Pat il menù quotidiano prevede tè o caffè e verdura a volontà, ma solo quella a foglie verde perché rispetto alla colorata contiene meno glucidi. Nel menù quotidiano è ammessa anche una porzione di carne bianca o in alternativa, pesce, uovo o 60 grammi di affettato.

 

STABILIZZAZIONE E MANTENIMENTO

kit-stabilizzazioneNella seconda fase, di stabilizzazione, il numero di Pat giornalieri viene ridotto a due, che in genere vengono consumati al mattino o come spuntino. Se a pranzo si mangia una porzione (max 80 g) di pasta integrale la sera si potrà portare in tavola una porzione a scelta tra pesce, carne, un uovo oppure 60 g di affettato. Verdure di colore verde a volontà, mentre quelle di colore rosso, arancione o giallo vanno reintrodotte poco per volta. Nellafase di mantenimento si torna gradualmente alla propria alimentazione, ma in caso di sgarri o abbuffate Mech consiglia di rimediare il giorno successivo mangiando 3 Pat, invece dei pasti abituali.

 

 

DECOTTOPATIA

tappo_decottoLa dieta Tisanoreica può essere integrata con Decotti, estratti di piante che assolvono diverse funzioni, depurativo, stimolante del metabolismo, drenante… Alcuni estratti vengono consigliati a tutti all’inizio della dieta, come quello di caffè e guaranà che aiuta a prevenire il senso di stanchezza e mal di testa che può insorgere i primi giorni della dieta. Sul sito del Centro Studi Tisanoreica è sempre attiva una chat che dà consulenza gratuita ai pazienti prima, dopo e durante la dieta.

 

Tra i fan della Tisanoreica ci sono molti volti noti, italiani e non: Katie Holmes, Elisa Isoardi, Valeria Marini, Anna Tatangelo, Geppi Cucciari e Nina Moric, solo per citarne alcuni. Certo su alcune i risultati si sono visti palesemente, per altre, già magre in partenza, viene da chiedersi a cosa sia servita.

Lo stesso Mech ha testato su se stesso la dieta, passando da 90 chili ai 68 attuali.

 

IL PARERE DELL’ESPERTA

«È fortemente sconsigliato smaltire molti chili così velocemente – spiega Giovanna Cecchetto, presidente dell’Andid, Associazione Nazionale Italiana Dietisti -. Certo se si segue alla lettera la Tisanoreica non si può non dimagrire perché il regime alimentare è molto restrittivo. I chili che si perdono però, una volta finita la dieta vengono ripresi facilmente, alimentando un circolo vizioso difficile da arginare. Al contrario, per non incorrere nell’effetto yo-yo bisogna seguire un regime alimentare equilibrato e personalizzato, basato su una restrizione calorica calcolata in modo da perdere non più di 4 chili al mese e modificare in qualche modo anche il proprio stile di vita (basta una camminata di almeno 30 minuti tutti i giorni per fare la differenza)».

 

Fonte. Leiweb

Taggato con:
 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.