Per bruciare in fretta le calorie delle feste bisogna intervenire subito: prima due giorni a tutta frutta e verdura, poi via ai menù low carb. Con cinque dritte extra che accelerano i risultati

 

frutta_verdura_055

 

Se tra i propositi del nuovo anno avete messo la voce “dimagrire” in cima alla lista, è il momento di agire: intervenendo in fretta, si può evitare che l’organismo “memorizzi” gli accumuli adiposi frutto degli eccessi delle feste (in media 1500 calorie in più al giorno), molto più difficili da smaltire in primavera. L’azione detox mirata comincia con due giornate disintossicanti a base di frutta e verdura dalle proprietà drenanti e depurative. Ecco il menù.

A COLAZIONE: una spremuta d’arancia senza zucchero a temperatura ambiente e una tazza di infuso o un tè verde.

A META’ MATTINA: un frullato di frutta mista, non freddo e senza aggiunta di zucchero.

A PRANZO: un passato di verdura mista ma povero di legumi e patate, senza pasta e senza sale. Il tradizionale passaverdura è consigliato rispetto al frullatore, perché consente di inglobare molta meno aria nel cibo. Dopo pranzo una tisana a base di semi di finocchio, anice, carvi e coriandolo.

A META’ POMERIGGIO: un centrifugato di frutta o un succo di frutta naturale in bottiglia, sempre a temperatura ambiente e non dolcificato.

A CENA: un altro passato di verdura come a pranzo, seguito da una tisana non dolcificata a scelta

Nei giorni successivi, e per le due settimane seguenti, si possono reintrodurre gli altri alimenti, limitando però l’apporto di carboidrati (pasta, pane e patate), e incrementando l’attività fisica praticata (basta una camminata veloce di 30 minuti tutti i giorni). Ecco un esempio di alimentazione giornaliera equilibrata a ridotto apporto calorico e ad alto contenuto proteico:

AL RISVEGLIO: mezza mela, oppure un kiwi, oppure un cucchiaio da minestra di frutta secca.

UN’ORA DOPO: una tazza di tè o caffè senza zucchero, una fetta di pane integrale con una fetta di prosciutto crudo, un uovo sodo.

A PRANZO: 80 g di petto di tacchino, 50 g di riso integrale, 150 g di spinaci in foglia.

A CENA (non oltre le 19): 100 g di mozzarella e 100 g di pomodori conditi con aceto balsamico, una fetta di pane integrale

Per vedere più in fretta i primi risultati, ecco altre cinque soluzioni di “pronto soccorso dietetico“:

1. Idratare. Due litri di acqua al giorno depurano l’organismo e stimolano la diuresi, favorendo l’attenuazione della cellulite e dei gonfiori.

2. Eliminare il sale di troppo. Controllane l’apporto sulle etichette nutrizionali, incluse quelle degli alimenti light, e ricordati di eliminare il sale anche dall’acqua di cottura della pasta: potrai insaporirla con gli aromi a cottura ultimata.

3. Fare scorta di fibre, sostituendo i cereali raffinati con quelli integrali come orzo, miglio o avena.

4. Applicare sulle gambe, almeno due volte alla settimana, fanghi a base di sali del mar morto che stimolano l’eliminazione dei liquidi che ristagnano nei tessuti.

5. Bere tutti i giorni, per almeno due settimane, una bottiglia di acqua naturale con 40 gocce di tintura di pilosella e 40 di tintura di betulla, dalle proprietà depurative e ristrutturanti.

Fonte: Oggi

Taggato con:
 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.