Se gli occhi sono lo specchio dell’anima, la pancia è sicuramente lo specchio del nostro stile di vita e del nostro umore. Dieta sregolata e vita sedentaria, ma anche stress e preoccupazioni, possono ripercuotersi in modo negativo sul giro vita sotto forma di accumuli adiposi e gonfiori. Quelli addominali sono in assoluto gli inestetismi più odiati dalle donne: ben una su due (fonte Astraricerche) non è soddisfatta della propria pancia.

pancia-piatta

Eppure, dire addio per sempre alla pancetta è possibile: basta agire con metodo e determinazione. Uno studio del dipartimento nutrizionale della Framingham State University (USA) ha dimostrato che per ridurre di due volte e mezzo il rischio di obesità addominale è sufficiente abbassare l’apporto giornaliero di 400 calorie, a patto di saper fare le scelte giuste. Eccole quali sono.

1. Mangiare frutta e verdura, indispensabili per fornire all’organismo gli zuccheri semplici sottratti alla dieta dalla riduzione di carboidrati e zuccheri raffinati.

2. Fare scorta di selenio. Questo minerale, dall’importante azione anticancerogena, è anche collegato alla riduzione dei livelli di obesità addominale, come dimostrato da una ricerca condotta su più di 8000 americani.

3. Introdurre più proteine, che inducono sazietà, forniscono energia e, soprattutto dopo i 40 anni, aiutano a ridurre i gonfiori addominali e i depositi di grasso viscerale.

4. Non abolire il vino. Secondo una ricerca del National Center for Health Statistics statunitense, un bicchiere di vino rosso al giorno, per 4-5 giorni a settimana, è indicato per combattere l’accumulo di peso nella parte superiore del corpo femminile.

5. Scegliere i grassi giusti, ovvero quelli monoinsaturi contenuti in olive, avocado, noci, mandorle, soia, cioccolato fondente e olio di semi di girasole. Le ultime ricerche dimostrano che agiscono direttamente sul grasso addominale.

6. Arricchire la dieta di omega-3 (nel pesce) e omega-6 (nei cereali non raffinati): favoriscono il senso di sazietà rendendo i pasti meno abbondanti.

7. Sfruttare l’azione di alimenti diuretici come l’anguria per ridurre la costipazione e purificare l’intestino, riducendo il girovita.

8. Fare pasti piccoli e frequenti. Per rendere meno difficoltosa la digestione, e quindi evitare gonfiori, l’ideale è frazionare i pasti in modo da mangiare ogni quattro ore, ma in minore quantità.

9. Programmare 20 minuti di attività fisica tutti i giorni o almeno tre volte a settimana, dando la preferenza al rafforzamento dei muscoli, alla camminata veloce e agli esercizi per gli addominali.

10. Calcolare il fabbisogno proteico correttamente. Mezzo chilo di peso corporeo dovrebbe corrispondere a circa un grammo di proteine consumate in un giorno. Una donna che pesa 60 chili, ad esempio, dovrebbe mangiare ogni giorno almeno 120 grammi di proteine per rafforzare la muscolatura addominale e quindi bruciare più grassi nella fatidica zona viscerale.

Fonte: oggi

Taggato con:
 
Set your Twitter account name in your settings to use the TwitterBar Section.